RISONANZA MAGNETICA CUORE

Come funziona?

La RM cardiaca è una procedura di imaging, che fornisce al medico informazioni dettagliate sull’attività cardiaca, comprese le cavità e le valvole, senza dover subire un intervento di cateterizzazione. Il test non utilizza radiazioni, per cui può essere ideale per indagini ripetute che sono necessarie nei pazienti con CHD.
 

La macchina per la RM si presenta come un tubo lungo e stretto.

Quando il paziente viene introdotto nel tubo è circondato da un campo magnetico. Il corpo umano è composto da diversi elementi che possono essere magnetizzati. Per esempio, il corpo umano contiene una grossa quantità di atomi di idrogeno che possono essere usati per generare un immagine. Il campo magnetico viene eccitato dalla macchina per la risonanza magnetica e si trasforma in un piccolo segnale radio. Un computer legge questi segnali e li trasforma in un immagine che viene visualizzata sul monitor.

 

Diversi tipi di risonanza magnetica

Ci sono diversi tipi di esami, per esempio l’angiografia, che permettono lo studio dei vasi sanguigni che portano al cuore, fornendo ai medici immagini molto chiare dei vasi sanguigni, senza esporre il paziente a radiazioni.

 

In alcuni casi un colorante innocuo può essere utilizzato per vedere le immagini più chiare.

 

Se il mezzo di contrasto viene ritenuto necessario, sarà iniettato (di solito nel braccio del paziente) e dopo1/2 minuti verrà effettuata la scansione.

 

La procedura

Prima della risonanza magnetica non c’è bisogno di una particolare preparazione.

Il paziente sarà circondato da questa macchina, che ad alcuni può dare una sensazione claustrofobica.

Il paziente viene disteso e dovrà rimanere immobile, per brevi attimi gli verrà richiesto di trattenere il fiato, mentre il medico prenderà le immagini del cuore.

Indicazioni

Per i pazienti con CHD oppure quelli con sintomi sospetti, la RM è indicata nei seguenti casi generali:

 

Casi generali:

 

  • per accertamenti anatomici e funzionali in caso di ulteriori dubbi dopo aver fatto l’ecocardiografia o l’esame angioemodinamico;
     
  • dopo la cateterizzazione nelle malformazioni complesse;
     
  • per esami più approfonditi nel caso in cui l’ecocardiografia non fornisce abbastanza informazioni e la cateterizzazione viene considerata inadeguata.

 

Inoltre, è indicata nei seguenti casi specifici:

 

  • anomalie dell’arco aortico;
     
  • anomalie delle arterie polmonari;
     
  • lesioni da SHUNT come difetti atriali o ventricolare del setto;
     
  • quantificazione delle dimensioni e funzioni del cuore;
     
  • quantificazione dei rigurgiti valvolari;
     
  • valutazione delle anomalie coronariche.
     

Valutazione del test e limitazioni

La RM è completamente indolore.

 

Poiché la macchina usa il magnetismo, il paziente non viene esposto a nessun tipo di radiazione, come succederebbe con una macchina raggi X.

 

La RM non può essere fatta se il paziente ha un pacemaker.